Stai leggendo
Guida completa alla scelta del deodorante

Guida completa alla scelta del deodorante

scegliere il deodorante

Arriva la bella stagione, il caldo, il sole, la vita all’aria aperta… Ma, insieme con tutto questo, può sopraggiungere anche qualche …. inconveniente olfattivo. Quando la temperatura sale, infatti, si attivano i milioni di ghiandole sudoripare sparse in tutto il tuo corpo, che in tempi record ricoprono la pelle con un velo d’acqua – il sudore – per riportare la temperatura corporea a livello ottimale, ossia sui 37 gradi.scegliere il deodorante

In media si espellono quattro tazze di liquidi al giorno, ma si può arrivare fino a quaranta secondo le temperature ambientali e le variabili personali. Il sudore è di due tipi: quello eccrino, più acquoso, è secreto appunto dalle ghiandole sudoripare eccrine distribuite su tutto il corpo. Quello apocrino,  prodotto dalle ghiandole localizzate nelle zone delle ascelle, inguine e torace, vicino allo sterno, è ricco di aminoacidi, sostanze di tipo proteico e numerosi sali che, una volta degradati dalla flora batterica normalmente presente sulla pelle, possono scatenare effluvi sgradevoli. Non è un caso, quindi, che siano proprio queste le zone dove applichi il deodorante, ossia il tuo migliore alleato (insieme ad acqua e sapone) contro i cattivi odori. A questo punto, non ti resta che individuare il prodotto o i trattamenti più giusti per te. Da ricordare: mai usare formule alcoliche o molto profumate prima di esporti al sole, perché possono scatenare irritazioni e favorire la formazione di macchie brune.scegliere il deodorante

SE SUDI TANTISSIMO.

Hai  spesso una sudorazione “over”? Può dipendere dalla tensione, che induce una superproduzione di adrenalina, un ormone che fa aumentare la traspirazione. Oppure sei timida e ansiosa: sotto l’influsso di forti emozioni,  dalla corteccia cerebrale parte uno stimolo nervoso che mette in azione  le ghiandole sudoripare.

Cosa scegliere. Prova i  deodoranti antitraspiranti. Questi prodotti, in genere a base di sali di alluminio, sono long lasting e  agiscono soprattutto sull’attività escretrice delle ghiandole sudoripare, riducendola fino al 50% tramite occlusione. Ma  è un meccanismo che contrasta con la fisiologia cutanea: dunque vanno usati solo per brevi periodi, perché possono infiammare le ghiandole sudoripare.

SUDI MANI E PIEDI.

Sul palmo delle mani e sulla pianta dei piedi c’è la maggiore concentrazione di ghiandole sudoripare eccrine: per questo, il sudore tende ad essere più copioso proprio in queste zone.

Cosa scegliere. L’ideale è un deodorante specifico per mani e piedi, non untuoso, di veloce assorbimento. Sui piedi puoi usare anche le polveri aspersorie, come la cellulosa microporosa o i talchi assorbenti, come le polveri d’avena,  che prevengono la macerazione della pelle. La loro azione, però, è di breve durata: riapplicali tutte le volte che ti lavi mani e piedi.scegliere il deodorante

HAI LA PELLE DELICATA.

Se usi certi deodoranti, senti subito bruciore. E se non li usi e sudi più del solito, la cute si arrossa in pochi minuti. In tutti i casi è colpa della pelle delicata, che si irrita a contatto dei conservanti, dei metalli come il nickel o di altre sostanze come l’alcol, contenuti in certi deodoranti.   

Cosa scegliere. Ci vuole un prodotto che sia rigorosamente ipoallergenico, privo di alcol e con ingredienti che normalizzino la traspirazione eccessiva e inibiscano l’azione degli enzimi che causano i cattivi odori.

TI SEI APPENA DEPILATA.

Dopo la depilazione, la pelle rimane priva sia del film idrolipidico sia del primo strato di cellule, che hanno una funzione protettiva: per questo,  per qualche ora è meglio evitare il deodorante o usarne uno di specifico.

Cosa scegliere. Dopo 1-2 ore  puoi mettere un deo molto delicato, privo di alcol e con attivi emollienti e disinfiammanti, come aloe e bisabololo, che calmano rossori e bruciori. Perfetti anche i deo arricchiti con acqua termale,  lenitiva.scegliere il deodorante

VUOI UN PRODOTTO CHE TI PROFUMI MENTRE TI DEODORA.

Non c’è nulla di più piacevole di un profumo che evochi freschezza e, dunque, di un deodorante doppio uso, capace di limitare la generazione di cattivi odori e, allo stesso tempo, di regalare una nota profumata alla tua pelle.

Cosa scegliere. I prodotti  con attivi assorbiodori a base, per esempio, di derivati dallo zinco e dall’olio di ricino o di nuovi ingredienti, come la mineralite (di origine vulcanica), che captano e neutralizzano le componenti odorose sprigionate dal sudore  e con oli  essenziali lievemente batteriostatici e molto aromatici,  come timo, pino silvestre, cipresso, chiodi di garofano.

AMI IL BIO/NATURALE.

Sei una green addicted: anche per i deodoranti, esigi prodotti naturali, che contengano ingredienti  il più possibile rispettosi della tua cute ma allo stesso tempo efficaci.

Cosa scegliere. I deodoranti bio, privi non solo di ingredienti potenzialmente irritanti, ma anche formulati con estratti botanici, come l’aloe, provenienti da agricolture biologiche. Per non sbagliare, controlla l’etichetta: nei deo biologici è riportato il logo dell’ente certificatore, come Soil association, CCPB,  Certified Natural Cosmetics & BDIH, Ecocert, IBD, Bioagricert, Socert, Aiab-Icea, Cosmos e Natrue. Altra soluzione iper-naturale: il cristallo di allume di rocca. Si attiva a contatto con l’acqua ed è inodore, quindi non interferisce con il tuo abituale profumo.

VUOI PENSARCI UNA VOLTA LA SETTIMANA.

Il tuo obiettivo è essere fresca senza soluzione di continuità: per questo sei alla ricerca di un prodotto che ti assicuri una copertura a lunga durata.

Cosa scegliere. L’ideale è un deodorante in crema, arricchito di sostanze antitraspiranti che, grazie alla presenza di polimeri idrorepellenti (gli stessi che vengono usati nei solari waterproof), resistono alla detersione quotidiana di routine.scegliere il deodorante

VUOI LA SOLUZIONE STRONG.

Se il tuo è un problema di sudorazione molto importante o addirittura di una vera e propria iperidrosi, che porta ad emettere anche 12 litri di sudore in 24 ore, occorrono rimedi strong.

Cosa scegliere. Efficace, anche se un po’ costosa (circa 800-900 Euro) soprattutto per l’iperidrosi di ascelle, oltre che di mani e piedi, è la tossina botulinica. In anestesia locale,  ti iniettano il botulino sottocute per bloccare l’azione di un neurotrasmettitore implicato nel rilascio del sudore. Basta una seduta, da ripetere dopo 6-8 mesi.

DEO INTIMI.

Di solito è sufficiente una buona  igiene con un detergente intimo specifico, a pH acido, per sentirsi “a posto” tutto il giorno. Ma soprattutto con i primi caldi, può succedere di soffrire per un eccesso di sudorazione anche sull’inguine, dove tra l’altro ci sono molte ghiandole sudoripare. Se decidi di usare un deo anche nelle zone intime, preferisci  tassativamente un prodotto dedicato, per non rischiare di modificare il processo di traspirazione e il pH fisiologico locale e attieniti scrupolosamente alle norme di applicazione. E se noti dei cattivi odori persistenti, non cercare di coprirli con il deodorante, ma prenota subito una visita ginecologica: potrebbe essere il segnale di un’infezione vaginale in atto.

Vedi commenti (0)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna su