Stai leggendo
Capelli & Cappelli

Capelli & Cappelli

Mai più senza cappello: davvero irresistibili quelli di Alberta Ferretti (https://www.albertaferretti.com/) che sono a tesa larga e declinati nel bordeaux, grigio e nero. Giorgio Armani (https://www.armani.com) predilige il colbacco in pelliccia, dal gusto charmant, mentre Gucci (https://www.gucci.com) stravolge tutto e unisce il copricapo alle mascherine in stile sciatore (e in pieno stile Eighties!). Le tendenze per l’autunno-inverno 2019-2020 propongono un copricapo per tutte le occasioni, per completare lo stile o semplicemente come vezzo modaiolo. Un accessorio caldo e funzionale (ripara dal freddo), che può essere indifferentemente indossato sia su capelli lunghi e sciolti sia  legati per l’hair look più chic, per esempio in una semplice coda bassa e con riga laterale ben aderente alla cute oppure in una pony tail ordinata e con riga al centro (perfetta, però, solo sui visi regolari), o nella versione più attuale della #wavyponytail (https://www.instagram.com/explore/tags/wavyponytail/), sfoggiata a più riprese anche da Chiara Ferragni.

How to do

«Nel realizzare le code, attenzione a non eccedere nella trazione, che può indebolire non solo il fusto ma anche la radice del capello, favorendone la caduta», avverte il dermatologo Carlo Di Stanislao, Università dell’Aquila, che approva l’uso del capello perchè  proteggere le chiome dallo smog urbano che, depositandosi sulle cuticole dei capelli, può minarne l’appeal in termini di lucentezza, vigore e vaporosità. Ma attenzione: «Se si indossano i cappelli o i berretti con frequenza, è necessario intensificare gli shampoo, effettuandoli anche tutti i giorni, naturalmente sempre preferendo formule ultra-delicate, perchè limitano la traspirazione del cuoio capelluto e accentuano la produzione di sebo», precisa l’esperto. Sul fronte dell’hair style squisitamente “tricologico”, è very trendy il lungo, soprattutto in due macro-versioni: con taglio long up fino alle spalle e con scalature multilivello e long waves,  movimentato da onde “ma solo nella parte centrale”. Sempre attuali anche il taglio medio e in particolare il chin bob, lungo fino al mento, e rivisitato come finto bob con scalatura interna, e lo chignon, anche nella classica crocchia da ballerina. Ritorna anche il corto liscio-chic o in versione molto “cosmetica”, curata, nel senso di costruita sulle morbidezze, con ciuffi laterali e asimmetrie anche accentuate.

 

Vedi commenti (0)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna su