Stai leggendo
Gatto Siberiano: dalla Russia con amore.

Gatto Siberiano: dalla Russia con amore.

gatto siberiano

Hai sempre sognato di accarezzare una tigre? Puoi (in parte, ovvio!) realizzare il tuo sogno coccolando un gatto Siberiano. Perché questo meraviglioso micione, originario delle freddissime terre della Russia e arrivato in Occidente solo nel ‘89, ha una stazza così possente e muscolosa da ricordare i grandi felini.
Il fisico. A differenza del Norvegese, con il quale a volte viene scambiato, è di taglia molto grande: il maschio può arrivare a pesare fino a 10 kg, la femmina 6-7 kg. Ha la zampe posteriori più lunghe e sviluppate rispetto a quelle anteriori e i polpastrelli palmati, per camminare con più sicurezza sulla neve. Particolarissimi gli occhi: sono tondi ma obliqui, molto grandi ed espressivi.
Un gatto “ipoallergenico”. Un’altra particolarità del Siberiano è che, secondo alcuni studi, rispetto agli altri gatti produce una minor quantità della proteina Fel d1-: significa che anche se non completamente “anallergico”, per chi soffre del problema la convivenza con lui può essere meno difficile. Prudenzialmente, però, meglio fare delle prove di “contatto” prima di adottarlo…

gatto siberiano
Il carattere. Come gli altri gatti delle foreste, ha sviluppato una notevole intelligenza per sopravvivere in ambienti molto ostili. Un po’ timido, ma tenerissimo e sensibilissimo, va abituato fin da piccolo al contatto con gli umani, per addolcire la sua natura un po’ selvaggia. Si lega moltissimo a un esponente della famiglia, con il quale instaura un rapporto di totale simbiosi, ed è molto comunicativo: emette miagolii di diversa intensità e modulazione per farsi comprendere. A differenza degli altri gatti, non ama la solitudine, anzi ne soffre molto, e ha bisogno di vivere in una casa in cui ci sia la possibilità di passare molto tempo all’aperto, anche se solo in terrazza.
Punti di forza e debolezze. Forte e robusto, è dotato di un ottimo sistema di termoregolazione che lo rende molto resistente alle basse temperature ma molto intollerante al caldo: tieni presente questo particolare se decidi di adottarlo. In estate, quindi, è indispensabile che la casa in cui vivi sia climatizzata.
La toilette e la dieta. Il manto, con pelo semilungo idrorepellente e con un folto sottopelo, va spazzolato 1-2 volte la settimana, ma nei periodi di muta la frequenza va aumentata a tutti i giorni, soprattutto verso l’estate, quando la perdita di pelo è molto consistente. “A tavola” è molto disciplinato: non eccede mai e non rischia di ingrassare.

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico veterinario. È sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico di fiducia.

Vedi commenti (0)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna su