Stai leggendo
Allegrissimo Lagotto, insuperabile “tartufaio”

Allegrissimo Lagotto, insuperabile “tartufaio”

Lagotto

Anche se è conosciuto come uno dei migliori “specialisti” nell’arte di scovare i tartufi, e sebbene abbia un passato da cane da caccia abile nel recuperare anatre e volatili abbattuti nei laghi, il Lagotto è oramai diventato (per fortuna) un’autentica star dei salotti ed è facile vederlo sfilare nelle vie più chic e alla moda.Lagotto

Il carattere. Un successo conquistato grazie al delizioso aspetto da monello e, soprattutto, al suo ottimo carattere: simpaticissimo, accattivante e facilmente addestrabile,  sa adattarsi perfettamente (e in allegria) alla vita di appartamento, a patto che lo si lasci libero di correre all’aperto, in spazi idonei, con una certa frequenza.  Dotato di una mimica straordinaria, il Lagotto esterna i suoi sentimenti con impeto e straordinaria gioia. Irruente e tenerissimo allo stesso tempo, è davvero difficile trovargli dei “difetti”. è  un compagno ideale per bambini, un po’ meno per le persone sedentarie e anziane, perché ha bisogno di un po’ di esercizio fisico tutti i giorni.Lagotto

Salute. È un cane molto robusto, che non soffre di particolari problemi di salute legati alla razza. Devi però alzare un po’ la guardia durante le passeggiate, quando può emergere la sua indole di cane da tartufi: al rientro, controlla le orecchie, le narici e le zampe, tra i polpastrelli, per eliminare eventuali corpi estranei. E pulisci con cura il musetto: basta un po’ d’acqua o una salvietta detergente.Lagotto

Toilettage. Il tipico manto da “agnellino” richiede qualche cura ad hoc: per evitare che si “infeltrisca”, il pelo va tosato almeno una volta l’anno, meglio dalla primavera in poi, e tenuto regolarmente corto (massimo 2-3 cm di lunghezza) con le forbici. Devi spazzolarlo con un attrezzo a denti larghi anche tutti i giorni se il pelo è lungo e particolarmente riccio; 2-3 volte la settimana negli altri casi.

La dieta. Non bisogna “cedere” alle sue (frequenti) richieste di pappa: tende, infatti, a essere un gran mangione e, di conseguenza, a metter su peso se assecondato.

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico veterinario. È sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico di fiducia.

Torna su