Stai leggendo
Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

“L’uomo felice non fantastica”. E i sogni erotici sono uno “sfogo” del desiderio (frustrato) accumulato durante il giorno. Suonava, più o meno in questi termini, la condanna senza appello lanciata da Freud, che sintetizzava alla perfezione secoli di atteggiamenti negativi verso il sesso e l’immaginario in genere. Posizioni che, strada facendo, sono state completamente riviste e corrette.

Oggi, addirittura, si sottolinea quanto siano importanti le fantasie e i sogni erotici dal punto di vista fisiologico. «Gli organi genitali hanno una scarsa e lenta irrorazione sanguigna e, di conseguenza, sono poco ossigenati. Durante il sonno, grazie anche al sogno erotico s’innesca l’eccitazione necessaria per far arrivare localmente più sangue e dunque più ossigeno e nutrimento ai tessuti», chiarisce Francesco Padrini, psicologo, psicoterapeuta bioenergetico e sessuologo a Milano http://www.bioenergetica.eu.

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Dunque,  il sogno erotico è uno dei tanti meccanismi di adattamento sviluppati dall’organismo in millenni di evoluzione. Pure le fantasie sessuali hanno importanti agganci fisiologici. «Il testosterone, ormone androgeno prodotto anche dalla donna, ha due funzioni parallele: è un iniziatore centrale, in grado cioè di attivare le fantasie e i sogni erotici, e a livello dei genitali esterni favorisce la risposta di congestione, di eccitazione genitale e orgasmica», dice ancora Padrini.

Sogni, fantasie e desideri non vanno confusi.

Quando si scende dal piano strettamente corporeo a quello psicologico, è importante mettere subito in chiaro che i sogni erotici, e secondariamente le fantasie “a occhi aperti”, non vanno assolutamente confuse col desiderio stesso. Sogni e fantasie sono alimentati dalla voglia di trasgredire, dalla curiosità, dal voler sperimentare con la mente ciò che normalmente nella realtà, tranne rari casi, non metteremmo mai in pratica. E questo vale sia per l’uomo sia per la donna. «Per comprendere meglio il concetto, basti pensare alla fantasia e al sogno erotico femminile più frequenti: essere presa con la forza, o addirittura con la violenza, da uno sconosciuto. È  ovvio che nessuna donna può realmente desiderare una violenza sessuale, uno dei delitti più gravi che si possano subire e perpetrare», precisa Padrini.

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Tra l’altro, le ricerche hanno  dimostrato che le persone con un immaginario erotico molto ricco vivono relazioni felici e di lunga durata perché la mente, attraverso sogni e fantasie, riesce ad esplorare quei territori che solitamente non si desidera far conoscere al proprio corpo.

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici.

Scene diverse per lui e lei.

La tante ricerche sessuologiche sull’argomento hanno ormai ampiamente svelato i contenuti più frequenti (e dichiarati) dell’immaginario erotico, sia al maschile, sia al femminile.

Gli uomini sognano soprattutto di rivivere un’esperienza molto erotica avuta con la partner, di fare e ricevere sesso orale, avere rapporti con più donne, essere dominati, guardare altre persone che fanno sesso. Le donne: di riviere una situazione particolarmente erotica con il compagno, di farsi rapire per poi essere adorate e idolatrate, essere possedute, far l’amore in luoghi romantici od esotici. «In genere, le fantasie erotiche maschili sono molto più “genitocentriche”, mentre quelle femminili sono più narrate, quasi romanzate», dice Padrini.

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Questo, in linea di massima, perché l’uomo ha una sessualità fortemente visiva, tanto che  può fantasticare ed eccitarsi su una singola parte del corpo femminile. «La sessualità femminile, invece, è più multisensoriale e di contesto: così, anche la fantasia erotica tende a inserirsi in una storia, ad essere narrata», aggiunge Padrini.  Non basta: a sorpresa, gli uomini che hanno fantasie sessuali sono meno numerosi rispetto alle donne (secondo gli esperti: circa un quarto), probabilmente, perché la sessualità femminile si è evoluta prediligendo la parola, la comprensione, il dialogo, la storia – tutti terreni fertili per la fantasia –, rispetto al semplice sguardo.

Quei sogni così inquietanti.

Sia che le fantasie siano focalizzate su particolari anatomici, sia su situazioni più complesse, resta il fatto che difficilmente le stesse sono la spia di un disagio interiore o di un desiderio reale.

«Salve le variabili individuali, il classico sogno di un rapporto omosessuale, sia al maschile, sia al femminile, per esempio, di solito rileva  l’esigenza di rispecchiarsi in un altro/altra, di riconoscere in lui/lei parti di se stessi che non si conosce pienamente. A volte, per una donna può significare un bisogno di maggior tenerezza nel rapporto», dice il sessuologo.

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Altro sogno,  che lascia attoniti e molto turbati, è quello di aver fatto l’amore con i genitori. Ma anche qui, se non in rari casi, l’incesto non c’entra. «Può essere il ricordo di quanto vissuto, e magari non pienamente elaborato, nell’infanzia durante una fase evolutiva cruciale per tutti, quella edipica», dice Padrini.

Anche fantasticare di tradire il partner, o immaginare di far l’amore con un altro durante il rapporto come accade a ben il 10% delle donne, spesso è solo la manifestazione di una semplice curiosità mentale, di una trasgressione virtuale   e nient’altro.

Ancora: le fantasie sui rapporti anali, tra le più frequenti nell’uomo, sono solitamente l’espressione del desiderio di poter possedere pienamente la propria compagna, violando una parte del suo corpo ancor più intima di quella genitale e pertanto percepita come più proibita e preziosa. Insomma: in amore e fantasia tutto – o quasi – è concesso e anzi utile e vitale.

Cosa rivelano e come interpretare le fantasie e i sogni erotici

Ma, è indubbio che alcune fantasie sessuali risultino debordanti, eccessive rispetto a quel pizzico di trasgressione che dà gusto all’immaginario erotico. «Sono preoccupanti quando hanno un contenuto di prevaricazione e violenza, sono eticamente riprovevoli, diventano ricorrenti e iniziano pian piano a confondersi col desiderio stesso. È allora che è meglio chiedere aiuto ad uno specialista, psicologo o sessuologo medico», conclude l’esperto.

Torna su