Stai leggendo
Le tecniche antiage di nuova generazione

Le tecniche antiage di nuova generazione

Maschere a Led per attenuare le rughe e cancellare le macchie; miniroller per una microdermoabrasione controllata, che restituisce luce e “materia” alla pelle: benvenuti nell’iper-tecnologico mondo dei beauty device. Vale a dire, la nuova frontiera della cosmesi futuristica in versione double face: sia a “portata di mano”, con i tantissimi strumenti hi-tech fai-da-te oggi a disposizione sia con i trattamenti più “tecno” che si possono trovare negli istituti di bellezza e dal medico estetico, per un intervento ancor più incisivo sulla giovinezza del viso. Di seguito, due trattamenti professionali per una pelle più tonica e compatta.

La micro-vibrazione compressiva di Endosphères Therapy.

Si chiama MI.CO.L ed è il nuovo manipolo che perfeziona il  trattamento antiaging viso totalmente naturale e soft firmato Endosphères Therapy,  che prende il nome di “Eva” (Endo Vibrazione Ablativa). Si tratta di un’apparecchiatura dotata di 4 manipoli che si alternano, lavorando in sinergia, nel corso del trattamento. L’anima della tecnologia è la microvibrazione  compressiva generalizzata (fase Face), che apre la seduta per poi far posto alla fase ablativa sensorizzata (Mas), che esegue una sorta di stretching della pelle. A seguire c’è Mi.co.l, la nuova fase, che genera una microvibrazione compressiva mirata sul solco della ruga, e infine arriva quella elettro-veicolata (fase Vev), che stimola l’acido ialuronico. In pratica, è una sorta di iper-micro massaggio tissutale che tonifica, ossigena, rigenera la pelle nel profondo, “risvegliando” il collagene e l’elastina.

I diversi manipoli, alcuni dotati di sfere rotanti in gel di silicone, vengono fatti scorrere dall’operatore  sulle aree meno toniche e più contratte del viso, in particolare su guance, contorno occhi, fronte, rughe nasogeniene, collo. Il trattamento è personalizzato: i  manipoli lavorano con velocità calibrate all’entità della contrazione muscolare e della lassità dei tessuti. Il protocollo antiage prevede 2 sedute settimanali per 5 settimane consecutive, con sequenze di protocolli differenziati che vanno dalla micro-levigazione superficiale alla ristrutturazione tessutale. Per il mantenimento è consigliata una seduta ogni 15/20 giorni per 5-6 volte totali.  Costo a seduta: 80-100 euro dall’estetista; 120-150 euro con  apparecchiatura  dedicata,  ad azione biorigenerativa, in ambulatorio medico. Info: www.endospheres.com.

Terapia fotobiologica
Tra i trattamenti più amati dalle star, come Victoria Beckham, ci sono gli apparecchi professionali che sfruttano la tecnologia LED (diodo a emissione luminosa), per le loro capacità di stimolare la produzione di neocollagene, di attenuare le macchie e combattere l’acne secondo la lunghezza d’onda utilizzata. Una tecnologia che fa ormai parte del presente dell’anti-aging dermo-estetico anche in Italia, dove, per esempio, è disponibile la Led-Xpert Skin Light Therapy. Si tratta di una terapia fotobiologica di rigenerazione tessutale che ruota intorno a una maschera a diodi ad alta densità: tradotto, utilizza il potere della luce per stimolare la rigenerazione e riparazione della pelle con risultati visibili fin dalla prima seduta. Le luci emesse, di diverso colore/lunghezza d’onda, hanno azioni specifiche: quelle ad effetto antietà sono la luce rossa, che stimola collagene ed elastina migliorando tono ed elasticità della pelle, e quella verde, che attenua e frena le macchie, illuminando. Minimo 3 sedute da 90 euro l’una. Info: www.germaine-de-capuccini.com.

Vedi commenti (0)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Torna su