Stai leggendo
Stimola così le difese immunitarie di cane e gatto.

Stimola così le difese immunitarie di cane e gatto.

Come dice il vecchio adagio: “prevenire è meglio che curare”. Un monito che, soprattutto  in questa stagione, significa adottare qualche strategia per stimolare il sistema immunitario del tuo gatto o del tuo cane, soprattutto se esce frequentemente all’aperto. Come accade agli “umani”, anche per i “pelosini”, infatti, il freddo, il vento e l’umidità sono un mix  che li rende più vulnerabili  alle malattie virali e batteriche, come bronchite, laringiti, tracheiti, che provocano sintomi come raffreddore  e tosse. Per rinforzare le difese puoi adottare delle strategie soft, dalla dieta alle medicine naturali. Ecco i suggerimenti della dottoressa Antonella Sanasi, medico veterinario a San Lazzaro di Savena (BO), https://www.ambulatorioveterinariosanlazzaro.it/.

La dieta, le vitamine e i minerali.  Soprattutto se l’animale è già un po’ anziano, è importante curare la sua dieta, o meglio, integrarla durante  l’inverno con gli antiossidanti che neutralizzano i radicali liberi, capaci di danneggiare le membrane delle cellule e indebolire il sistema immunitario. Tra le sostanze che non devono mai mancare  ci sono il retinolo (vitamina A), le vitamine E e C e minerali come lo zinco e il rame: controlla che le crocchette e/o i cibi umidi che gli somministri li contengano. Nei cibi specifici per animali senior di norma questi extra-nutrienti sono già compresi.

Gli integratori. Se non vuoi  o non puoi cambiare dieta (soprattutto per i gatti, non sempre è consigliato), puoi mantenere la stessa alimentazione e dargli degli integratori ad hoc. La vitamina C, in particolare, è ottima:  ne occorrono 100 mg  al giorno per i gatti e da 100 mg a  500 mg per i cani, secondo la taglia e problematica. In più, se non gli dai cibi che già li contengono, puoi somministrargli dei supplementi  base di olio di pesce o di enotera, che contengono acidi grassi essenziali importanti anche per il sistema immunitario (dosi  riportate in confezione). In commercio trovi anche paste specifiche per stimolare le difese,  che contengono erbe immunostimolanti come l’echinacea, colostro, propoli e aminoacidi come la taurina. Ottimi anche i fermenti lattici, che riequilibrando la flora batterica intestinale migliorano la risposta immunitaria dell’organismo.

Le medicine dolciIn alternativa,  poi dare al tuo animale un omeopatico che aiuta a rinforzare il sistema immunitario:  Oscillococcinum o Anas Barbarie 30 CH. Per la prevenzione: per i gatti e i cani di piccola e media taglia ne occorre mezza dose granuli;  una dose intera, invece, per i cani di grande taglia. Sciogli il rimedio prescelto in poca acqua e somministralo in bocca con una siringa senza ago una volta la settimana, per due mesi, mai però in associazione agli antinfiammatori (se deve prenderli, aspetta di finire la cura).  Poi usare gli stessi rimedi anche nelle fasi acute delle infezioni, per accelerare la guarigione e ridurre i sintomi: in questo caso, però, aumenta la frequenza, somministrandoli tutti i giorni anziché una volta la settimana.

Specifico per l’herpes virus felino. Se, in particolare, il tuo gatto soffre di rinotracheite felina da herpes virus, il tuo veterinario può prescrivergli degli integratori a base di L-Lisina, un aminoacido che blocca gradualmente la replicazione del virus. Va somministrato tutti i giorni per almeno 2 mesi e lo trovi in polvere, bocconcini o soluzione liquida da aggiungere ad un  pasto. Anche se è vaccinato (fa parte della vaccinazione trivalente consigliabile), infatti, nel corso della vita il micio può manifestare sintomi blandi, perché il virus una volta contratto (può essere trasmesso anche dalla madre) rimane latente per sempre nell’organismo e può riattivarsi, per esempio a causa di  stress o freddo e altre situazioni climatiche sfavorevoli.

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico veterinario. È sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico di fiducia.

Torna su