Stai leggendo
Natale: missione detox

Natale: missione detox

detox feste natalizie

Un viso dalla pelle setosa, compatta e radiosa e un  corpo tonico, asciutto e capace di rivelare curve toniche anche sotto i tessuti non propriamente impalpabili degli outfit invernali: a pensarci bene, ora è davvero una sfida perché tutto, nei giorni clou dei  festeggiamenti di fine d’anno, ha contribuito, invece, a rendere la pelle opaca, stanca, rilassata, e il corpo gonfio e appesantito da qualche chiletto in più. Gli eccessi a tavola, lo stress da pandemia e zone rosse, che si somma a quello (già elevato) della routine, dello scarso movimento e dello smog, favoriscono un accumulo di tossine nei tessuti che, secondo i guru del detox,   si traduce per l’appunto in un “panorama estetico”  non proprio idilliaco, oltre che in un organismo più vulnerabile ai mali di stagione e in un rallentamento del metabolismo.detox feste natalizie La contromossa: una strategia purificante a 360°, che includa alimentazione, fitness, idroterapia e skincare, sul modello dei programmi detossinanti tanto amati e praticati a Hollywood e dintorni, come quello del dottor Habib Sadeghi, fondatore della clinica Be Hive Of Healing – Integrative Medical Center in California (behivecenter.com; behiveofhealing.com) e autore, insieme a Gwyneth Paltrow, del manuale in tema: The Clarity Cleanse(disponibile su amazon). Oppure sullo stile, fortemente influenzato dall’ayurveda (che della disintossicazione è il paladino indiscusso), del dottor Nish Joshi, osteopata di origini indiane, amico personale dell’attore Ralph Fiennes e della compianta Lady Diana, nonché fondatore dell’omonima clinica detox, tra le  più chic di Londra (joshiclinic.com), frequentata abitualmente da Kylie Minogue, Kate Moss  e Cate Blanchett. Qualunque sia la fonte d’ispirazione, i protocolli detox si fondano su trattamenti “in” & “out”, ovvero su  multi-interventi che, in sinergia, aiutano a far riconquistare piuttosto velocemente un corpo scattante e una pelle di velluto.detox feste natalizie

Punto di partenza: riportare la dieta su binari salutistici/detox.

La (gaudente) tavola delle feste è stata la maggior … guastafeste del periodo in termini di produzione a tutto ritmo di tossine e di sabotatrice del “bellessere”. Parimenti, la tavola (detox) è la miglior alleata per ritrovare una  forma smagliante. Per compensare l’aumento del carico di tossine, e il conseguente spostamento verso valori acidi del pH dei tessuti, che si traduce in gonfiore, accelerazione dell’aging, stanchezza,  il giorno  dopo uno o più pasti particolarmente abbondanti e ricchi di zuccheri, sale e grassi, o in tutti i casi un giorno la settimana, è utile effettuare il “one-day-vegetables and fruits”, un dì a sola frutta e verdura, che è un classico del detox generalmente approvato dai nutrizionisti per chi è in buona salute.

Spuntini & tisane. Per gli spuntini, durante il giorno detox (ma anche in tutti gli altri, come buona abitudine) puoi scegliere  tra uva o prugne, disintossicanti; pompelmo, drenante, o un pezzettino di zenzero candito, fonte di antiossidanti e antinfiammatori, come i gingeroli, che calmano l’appetito e  ottimizzano l’utilizzo dello zucchero da parte delle cellule dei muscoli, contrastando la spossatezza.  Durante il giorno, bevi almeno 2 litri di acqua minerale a basso residuo fisso e due tisane: una drenante,  al mattino, per esempio con pilosella, ortosi phon e ortica in parti uguali; una  depurativa del fegato la sera, per esempio con gramigna, tarassaco, cardo mariano, rabarbaro (2 cucchiai della miscela d’erbe in infusione in 250 ml di acqua calda per 15 minuti; filtra e bevi). detox feste natalizieAggiungi  i tè al posto del caffè: oltre ai classici tè neri e a  quelli verdi, fonte di potenti anti-ox e di molecole che stimolano la lipolisi (lo smaltimento dei grassi), puoi orientarti verso i Pu-Erhs, che  sono spiccatamente digestivi e disintossicanti ma hanno un aroma molto singolare, simile a quello della terra umida del sottobosco. Ottimi anche i tè bianchi, che al  contrario hanno un sapore molto dolce e delicato e sono ricchi di quercitina, che facilita l’eliminazione di acido urico. Il rooibos, un tè rosso, è anch’esso ricchissimo di antiossidanti, tra cui diversi flavonoidi e vitamina C. Inoltre, è privo di sostanze eccitanti (una benedizione, per chi è sensibile alla caffeina), ha effetti antinausea e sembra sia in grado di stimolare il sistema immunitario. Oppure, puoi provare gli infusi, i tè e i mix di erbe e verdure  drenanti e disintossicanti già pronti per l’uso.

Dieta detox “a tempo”. Finite le festività e il rischio di cene e pranzi luculliani senza soluzione di continuità, per almeno 2-3 settimane segui un’alimentazione salutistica (con pesce, carni bianche, legumi come fonte di proteine,  e cibi leggeri in generale), aumentando sostanzialmente il consumo di vegetali freschi di stagione,   che,  grazie alla ricchezza di calcio, magnesio, sodio, potassio e acqua e vitamine sono un toccasana per una pelle più fresca ed elastica e tra i più potenti alcalinizzanti naturali dei tessuti. In linea di massima, privilegia i vegetali  con  maggiore potere alcalinizzante, come le cime di rapa, i porri, l’erba cipollina, il cavolo verza, il sedano, la lattuga, le bietole. detox feste natalizieE poi: limoni e pompelmi, frutti di bosco,  pere, melagrana, agrumi, kiwi. Ma non trascurare, in generale,  i vegetali di colore verde, ricchi di clorofilla, potente detox,  e quelli rosso-arancio, fonte non solo di buone percentuali di carotenoidi, ma anche di  vitamina C, quest’ultima, come noto, antiossidante che interviene nella formazione del collagene, una delle “materie prime” della giovinezza dei tessuti. Ottimi anche i juice/beveroni verdi, come quelli assunti tutte le mattine da Meghan Markle,  a base di mela, spinaci, cavolfiori, zenzero e limone, a cui saltuariamente  aggiunge latte di mandorle e bacche. Prima di fare colazione la Markle beve sempre anche un bicchiere di acqua calda con limone. Un’ottima abitudine secondo il dottor Ottavio Iommeli, perché: “è un buon alcalinizzante e dunque drenante e detossificante di pelle e organismo.Disclaimer   Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico e nutrizionista. E’ sempre bene affidarsi ai   consigli del proprio medico curante o di uno specialista nutrizionista.

Wellness detox. Per centrare più efficacemente e velocemente l’obiettivo, allo stile alimentare “riveduto & corretto” in termini disintossicanti/drenanti, è utile (e piacevole) associare pratiche wellness complementari.

Con il fitness dolce. In ogni programma detox che si rispetti non può mancare il fitness. Ma attenzione: ora hai bisogno di un allenamento soft, capace di smobilitare in fretta il surplus di tossine senza aumentare il carico di acido lattico e radicali liberi (l’attività più intensa li aumenta considerevolmente). Al mattino fai qualche esercizio di stretching. Dopo colazione esci per fare una passeggiata di almeno 20 minuti, mentre nel pomeriggio fai una seduta con esercizi aerobici alla cyclette, sull’ellittica e camminando sul tapis roulant per almeno 30 minuti complessivamente. Inserisci anche una-due lezioni settimanali che allenano il respiro, così da favorire l’espulsione di tossine attraverso i polmoni, come yoga e pilates. Per il fai-da-te: riempi i polmoni al meglio delle tue possibilità, conta fino a 5, quindi svuotali completamente. Fai una pausa di 2 minuti e ripeti per 3 sequenze, 2 volte al dì.detox feste natalizie

Con l’idroterapia e la talassoterapia fai-da-te. Anche la semplice  doccia o il bagno possono trasformarsi in una pratica “linfodrenante & rassodante”. In mancanza di un idromassaggio, puoi sfruttare l’alternanza caldo-fredda dell’acqua della doccia, alla maniera dell’idroterapia di Kneipp (proposta da diverse Spa), che ha buoni effetti tonificanti e di stimolo della circolazione sanguigna e linfatica. Esecuzione: con il getto d’acqua calda (37-38 gradi) della doccia bagna prima piedi e gambe, risali verso braccia, schiena, addome. Quindi, passa brevemente (1 minuto max) tutto il corpo con il getto d’acqua fredda (24 gradi), poi ancora con acqua calda e, termina, sempre per 1 minuto, con acqua fredda (al mattino appena sveglie e sempre lontano dai pasti). Drenanti e detossinanti per eccellenza sono due elementi chiave della talassoterapia: le alghe e il sale. Le prime grazie soprattutto alla presenza di glutatione – un potente antiossidante – e di acidi grassi essenziali, sono chelanti, ossia hanno la capacità di legare e rimuovere tossine e metalli pesanti. Il sale, invece, richiama per osmosi i liquidi in eccesso.  Per un bagno detox, drenante e snellente: acquista un olio o un altro prodotto alle alghe (oppure essicca in forno  e poi sminuzza dell’alga Kombu, che trovi in erboristeria) e  miscela a tre manciate di sale da cucina prima di versare  nell’acqua della vasca (temperatura: 37 gradi; tempo di immersione: 20 minuti).

Disclaimer  

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico e nutrizionista. E’ sempre bene affidarsi ai   consigli del proprio medico curante o di uno specialista nutrizionista.

Torna su