Stai leggendo
Conosci il Degu?

Conosci il Degu?

degu topolino domestico

Ha un musetto simpatico, da dolcissimo “Mickey mouse”, che gli conferisce l’aria di un seduttore nato: ti presentiamo il Degu,  un piccolo roditore originario dell’America Latina, che rispetto al criceto, con il quale può essere confuso, ha delle caratteristiche peculiari tutte da scoprire.

Un carattere vivace e divertente.  È un ottimo pet da compagnia: curioso, vivace, divertente è attivo durante il giorno e nell’intero arco dell’anno (in inverno non cade nel torpore da semiletargo come gli altri roditori). È  molto socievole e pertanto l’ideale sarebbe adottare una coppia, ma se  gli esemplari sono di sesso diverso, meglio sterilizzare il maschietto per evitare di ritrovarti con nidiate che non sapresti come gestire.degu topolino domestico

Il “fisico”. Nonostante l’aspetto fragile, il Degu è robusto e se correttamente accudito  può vivere molto a lungo, anche fino a 12 anni! I suoi dentini crescono in continuazione: non fargli mai mancare dei bastoncini di legno non tossico da rosicchiare. Non soffre di particolari malattie, ma fallo visitare  due volte l’anno da un veterinario esperto di animali esotici e fai un esame delle feci una volta l’anno.

Dove trovarlo. Non è molto diffuso: lo puoi acquistare nei negozi di animali ben forniti e negli allevamenti. Prima di adottare il piccolo,  controlla  che l’ambiente in cui è ospitato sia in buone condizioni igieniche e chiedi al negoziante o all’allevatore  di prenderlo in mano, in modo da verificare sia la sua docilità, sia le condizioni di salute.degu topolino domestico

L’alloggio. Ha bisogno di una gabbietta di acciaio, o altro materiale resistente (per evitare che la “rosicchi”), molto capiente e più alta che larga. All’interno arredala con rami, rampe e piani intermedi, che gli permettano di arrampicarsi e simulare il comportamento naturale Alla base sistema una  lettiera di tutolo di mais e di pellet di segatura o di carta riciclata. La stanza dove poni la gabbia deve essere sempre fresca e con umidità non inferiore al 40%: l’aria secca e le temperature oltre i 30 gradi sono pericolose e possono provocare la morte per colpo di calore.

L’alimentazione.  La base dell’alimentazione è  il fieno e le verdure fresche. In commercio trovi miscele di cibo già pronte, da integrare con vegetali freschi: vanno bene verdure a foglia scura, carote, insalata, ben lavate e asciugate e date a temperatura ambiente.

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico veterinario. È sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico di fiducia.

Torna su